Via Concordia, 7 - Pordenone - 0434 365387
Tu sei qui: Home / Università della terza età / Eventi / SpazioFoto / Galleria del Tempo / Un borgo antico SCANNO

Un borgo antico SCANNO

Laboratorio di fotografia
Anno Accademico 2010-2011

da lunedì 2 maggio a domenica 5 giugno 2011
Spazio Foto
Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone

Perché ritornare a Scanno

quando già a partire dal 1953 il grande fotografo francese Henry Cartier Bresson lo aveva fotografato

e quindi nel 1956 Mario Giacomelli (premiato al Museum of Modern Art di New York nel 1964 per queste sue immagini) ed infine Gianni Berengo Gardin nel 1987 (Scanno un paese che non cambia), e a seguire una schiera di tanti altri fotografi più o meno noti?

Perché camminare su strade già percorse

dai grandi diventa un fatto estremamente stimolante e per ritrovarsi garantiti da un lato da tanto magistero e dall’altro per tentare l’ennesima verifica in proprio del severo paesaggio offerto dall’antico borgo abruzzese.

L’esperienza ha coinvolto, quattordici fotografi del Laboratorio di Fotografia – Reportage dell’U.T.E. di Pordenone.

Con il batticuore, attraversando un paesaggio cupo e solitario popolato da paesi arrampicati su spuntoni di roccia in bilico su valloni e forre, finalmente abbiamo raggiunto Scanno, che ci è subito apparso meno aspro ed attraversato da intensi momenti di straordinaria luce.
Un centro che degrada dalle pendici della collina su cui insiste, attraverso scalinate che dal basso salgono al centro del paese.

Ma non lo si descriverà qui perché lo si potrà leggere nelle immagini dei più o meno esperti fotografi che hanno partecipato al corso.

L’impressione è che i grandi, di cui si è appena sopra fatta citazione, hanno avuto ragione a venire in questo luogo che stimola a cercare dentro di noi l’antico e ancestrale che qui si ritrova e il calore della luce che illumina le case e le persone. Si è anche d’accordo con Gianni Berengo Gardin che il paese non è cambiato nel tempo proprio perchè un’altra Scanno sta sorgendo lontana dal borgo antico.
Gianni anche dice che " lì si ritrova quell’atmosfera irreale, i grandi silenzi, le donne (poche ora) nei loro costumi che camminano sfiorando il terreno, sbucano da una porta, attraversano una strada, scompaiono in un vicolo".
È questo ancora oggi il fascino di Scanno.
E in aggiunta si potrebbe dire che il soggetto ti cattura tanto forte da non lasciarti scegliere, più forte delle immagini che ti potrebbero influenzare.

Foto di: Rino Aruta, Oscar Carlon, Francesca Clocchiatti, Francesca Codogno, Francesco Contino, Carlo Maiani, Bianca Piva, Luigi Salvi, Vanna Toffolo

A cura di ALIDA CANTON del Circolo Fotografico l'Obiettivo di Pordenone

La mostra rimane aperta da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle 19.00, sabato dalle ore 9.00 alle 18.00, domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.00, chiuso il 2 giugno 2011.

 

Scarica il pdf

Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone – Via Concordia, 7 – Pordenone
Tel. 0434 365387 – Fax 0434 364584 – info@centroculturapordenone.it