Via Concordia, 7 - Pordenone - 0434 365387
Tu sei qui: Home / Presenza e cultura / Musica / Edizioni precedenti / XIX edizione 2010 / La vita è altrove

La vita è altrove

domenica 5 dicembre 2010
11:00
Auditorium Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone

Nato dall'incontro tra la cantante di origini armene Karina Oganjan,
la chitarrista classica e flamenca Anna Garano
e il percussionista e clarinettista Blaž Celarec,
La vita è altrove è un percorso musicale e spirituale
che dà voce a popoli la cui storia è segnata dall'esilio
e dalla nostalgia per ualtrove reale o immaginario.
Tre affascinanti tradizionimusicali rivivono
attraverso arrangiamenti originali nei quali
confluiscono i diversi background musicali
dei componenti del gruppo:

le musiche armena, ebraica e gitano-andalusa
si alternano aprendosi talvolta al dialogo
e alla “contaminazione” reciproca,
in una sorta di simbolica accoglienza del destino dell’altro.

 

Come il primo “A quiete place”, anche il terzo concerto del Festival Internazionale di Musica Sacra si proponeva come un percorso di meditazione e scoperta attorno ai popoli che soffrono e nel contempo camminano orgogliosi di un destino, spesso tragico, che ne compendia tutta la loro storia.
Tutti conosciamo le vicende attraverso cui sono passati, almeno in questi ultimi cent’anni, gli ebrei, agli armeni, gli zingari o gitani. Discriminazioni e pregiudizi, pulizie etniche, emarginazione, diaspore e deportazioni hanno dato ancor più forza alla rivendicazione, a volte anche violenta, dei loro diritti, della loro cultura millenaria.
Ecco, la cultura appunto, quella che nel nostro Paese si vorrebbe soffocare, depauperare, inutile peso dei bilanci quotidiani: la cultura è per tutti i popoli del mondo, soprattutto per quelli più poveri e perseguitati, la forza indistruttibile per non dimenticare le radici, la propria identità, la dignità.
Karina Oganjan, cantante armena, Anna Garano, chitarrista triestina/sicula cultrice di musica andalusa, Blaž Celarec, percussionista/clarinettista sloveno hanno offerto all’Auditorium della Casa dello Studente gremito questo percorso attraverso la musica armena, yiddish/sefardita e gitano andalusa, alla ricerca delle radici comuni di espressioni artistiche solo apparentemente lontane, che da secoli tanto hanno influenzato la musica europea.
La vita è altrove è il titolo che stigmatizza l’anelito ad una “terra promessa”, costantemente lontana e mai dimenticata. Un senso perenne di esilio che traspira dalle melodie popolari, dai versi infantili, dalle preghiere sommesse in cui il suono è già parola, invocazione ad un Dio che raccoglie tutte le sofferenze. Nostalgia è il sentimento che pervade come acqua filtrante questa musica, resa dalla voce ammaliante di Karina Oganjan con un’emozione interiore profonda e vibrante, quasi racchiusa dentro una dignità che è certezza di un domani migliore.
Gli arrangiamenti ricercati di Anna Garano sono il trait d’union tra questi mondi che si sono contaminati e nutriti vicendevolmente della loro ricchezza culturale. Blaž Celarec forniva con partecipe discrezione quella pulsazione ritmica che è essenza del canto popolare e palpito di vita. Il suo clarinetto l’eco lontana di una vita altrove.

 

 

INGRESSO LIBERO

 

Scarica il pdf

Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone – Via Concordia, 7 – Pordenone
Tel. 0434 365387 – Fax 0434 364584 – info@centroculturapordenone.it