Via Concordia, 7 - Pordenone - 0434 365387
Tu sei qui: Home / Centro Iniziative Culturali Pordenone / Musica / Concerti / Concerto di Fine Anno 2019

Concerto di Fine Anno 2019

SOFIA SINFONIETTA
Pavel Berman violino
Svilen Simeonov direttore
Musiche di Beethoven, Strauss, Offenbach

martedì 31 dicembre 2019
Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone

Con la 40a edizione del Concerto di Fine Anno

proposto a Pordenone ininterrottamente, il Centro Iniziative Culturali Pordenone si conferma – anche per altri eventi annuali di musica, arte e cultura – il più longevo e qualificato operatore culturale del Friuli Occidentale.

Ancora una volta si tratta di una scelta di grande classe, come si può dedurre dai curricula di Orchestra, Direttore di Orchestra e Solista presenti con un programma originale e accattivante. Come si conviene per una celebrazione di fine anno.

Una celebrazione che, per essere la 40a, si presta ad alcune sottolineature. Di memoria, innanzitutto, per carissimi personaggi da cui è partita l’idea dell’iniziativa e poi la sua realizzazione: uno fra tutti, Isidoro Martin. Insieme al sottoscritto, allora direttore del Centro Iniziative, a Don Gianni Lavaroni catalizzatore di appassionati di concerti e manifestazioni musicali, tra cui il M° Paolo Pellarin, e il celebre costruttore di pianoforti, Paolo Fazioli. Col passare degli anni presero in mano l’iniziativa i Maestri Franco Calabretto e Eddi De Nadai che ancora oggi – con il coordinamento di Maria Francesca Vassallo – conducono le attività musicali del Centro, diventate molteplici, ma sempre di caratura internazionale al punto da far riconoscere certe nostre attività all’interno di strutture di eccellenza quali Italiafestival.
A ogni fine anno, onorato da grande numero di appassionati di musica, e sostenuto da Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Pordenone e vari altri partners, con il passaggio di grandi orchestre, direttori e solisti, è stato possibile portare a Pordenone una lunga serie di programmi, spesso molto particolari, pur nella godibilità scoppiettante di certi pezzi diventati immancabili in questa ricorrenza. Un apporto alla cultura del nostro territorio di cui ci sentiamo orgogliosi.

Orgogliosi anche per un altro tassello: quello di facilitare la partecipazione al concerto di persone meno favorite per età, condizioni fisiche, situazioni economiche: giovani, anziani, portatori di handicap. Per noi non si tratta solo di rendere più garantiti i numeri di presenze a Teatro, ma corrispondere a una idea più democratica di cultura. Fin dal sorgere di Casa Zanussi (1965) è stato un obiettivo fisso. Rendere aperto a tutti l’usufrutto di ogni ambito di produzione culturale. Perché cultura significa processi di crescita al contatto con il meglio della produzione umana nel segno della creatività poetica; si tratti di musica o di arti plastiche, di letteratura o di cinema, di teatro o di ricerca di gruppo. Luciano Padovese - Maria Francesca Vassallo

PROGRAMMA

Ludwig van Beethoven
Concerto in Re maggiore op. 61 per violino e orchestra
Allegro ma non troppo
Larghetto
Rondò: Allegro

Johann Strauss Sohn
Ouverture da “Die Fledermaus”
Verbruderungs-Marsch op.287

Marcia della Fratellanza

Im Krapfenwaldl op.336
Nel bosco di Krapfen, polka francese

Seid umschlungen Millionen op.443
Abbracciatevi o milioni di uomini, valzer

Josef Strauss
Plappermaulchen op.245
Polka schnell

Johann Strauss Sohn
Champagner-Polka op. 211
Polka dello Champagne

Jacques Offenbach
Ouverture da “Orphée aux Enfers”

PAVEL BERMAN Ha vinto il Primo Premio e la Medaglia d’Oro al Concorso Violinistico Internazionale di Indianapolis nel 1990. Il Premio Speciale per la migliore interpretazione dei Capricci di Paganini e della Sonata di Ysaye, gli permise inoltre di fare il suo debutto discografico con la Koch International. All’età di soli diciassette anni, aveva gia vinto il Secondo Premio al Concorso Violinistico Internazionale “Paganini” di Genova (1987).
Nato a Mosca, ha studiato alla Scuola Centrale di Musica del Conservatorio di Mosca, con Svetlana Bezrodnaia e successivamente al Conservatorio Tchaikovsky con Igor Bezrodniy. All’età di sette anni Berman fa il suo debutto pubblico con la Gorky Philarmonic Orchestra.
Studia poi con Dorothy DeLay nel 1992 alla Juilliard School di New York e poco dopo avviene l’incontro con Isaac Stern che ha indubbiamente segnato in profondità la sua creatività musicale; la maturità artistica di Pavel Berman trova inoltre la sua radice profonda nel lavoro musicale con suo padre, il leggendario pianista Lazar Berman. Si è esibito con prestigiose orchestre quali la Dresden Staatskapelle, la Indianapolis Symphony Orchestra, la Atlanta Symphony, la Dallas Symphony, la Miami Philarmonic, la Praga Symphony, la Royal Philarmonic di Liverpool, la Beijing Philharmonic, i Berliner Sinfoniker, ha collaborato con importanti direttori come Iliahu Inbal,Petr Altrihter,Vasiliy Sinayskiy,Andrei Boreiko. Ha tenuto concerti nelle più prestigiose sale del mondo quali la Carnegie Hall di New York, Théâtre des Champs Elysées e Salle Gaveau di Parigi, Herkulessaal di Monaco, Auditorio Nacional di Madrid, Bunkakaikan di Tokyo, Teatro alla Scala, Conservatorio Verdi di Milano, Parco della Musica di Roma, Palais des Beaux Arts di Bruxelles.
Come camerista ha collaborato con musicisti quali David Soyer, Gustav Rivenius, Nabuko Imai, Alexandr Kniazev, Alexandr Rudin, Andras Schiff, Bruno Canino ed altri artisti di questo calibro.

Svilen Simeonov Ha effettuato tourneé in Europa, Asia, Sud America, parallelamente alla collaborazione con la nuova Kaunas Symphony Orchestra, in veste di solista e direttore con orchestre quali la Lithuanian, la St. Georges Strings Orchestra e i Virtuosi di Mosca. Dal 2005 è docente di violino presso la prestigiosa Accademia Internazionale Incontri col Maestro di Imola. Ha inciso per Koch International, Audiofon, Discover, Supraphon e Phoenix Classics. Suona il violino Stradivari & lsquo; Maréchal Berthier’ 1716 della Fondazione Pro Canale di Milano. Si è affermato come uno dei principali direttori della Bulgaria. È stato insignito del premio Musician of the Year con l’orchestra Sofia Amadeus (1999) della Bulgarian National Radio, il Crystal Lyre Award (2001) con l’orchestra Collegium Musicum-Bankja e il Golden Lyre Award con l’orchestra Sofia Sinfonietta (2007) per l’alta risultati artistici nelle arti dello spettacolo. È direttore principale della Sofia Sinfonietta, Sofia Amadeus e Vidin State Symphony Orchestra in Bulgaria. È direttore ospite dell’Operetta Stage di Vienna, del Teatro Lirico d’Europa e dell’Orchestra del Festival Strauss. Diplomato all’Accademia di Stato di Sofia e all’Accademia di musica di Plovdiv in clarinetto e direzione d’orchestra. Ha inoltre completato studi di direzione con il Prof. Salvador Mass Conde all’Accademia di Musica di Vienna. Ha insegnato direzione a Sofia, Yangstown State University USA, Dana School of Music Ohio, Thiel College PA e Westminster College Pennsylvania, Seoul Corea, Kozani e Vlasti Greece, Festival del Golfo Italia, Hanoi Vietnam. Si è esibito nella maggiori sale da concerto del mondo tra cui: la Berlin Philharmonic Hall, il Musikverein Gold Hall Vienna, la Bulgaria Hall Sofia, il Concertgebouw Amsterdam, il Seoul Art Center Korea, il Bunka Kaikan Center Tokyo, il Victoria Hall Geneva, Ton Halle Zurigo, RAI Arturo Toscanini Hall Torino, Palau de la Musica Barcellona, Auditorium National de la Music Madrid, Teatro Monumental de Madrid, Teatro Alfredo Craus Las Palmas, Teatro Coliseum Lisbona, Casa de la music Porto, Bilkent Hall Ankara, Levent Center Istanbul, Sava Center Belgrade, Megaron Music Hall Athens, Megaron Music Hall Thessaloniki, Festival Hall Osaka, Philharmonics Hall Wroclaw, Teatro Auditorium Cuenca, Compagnia Teatrale di Mantova.

La Sofia Sinfonietta è composta stabilmente da più di 40 strumentisti fino ad arrivare ad oltre 60 elementi. I suoi progetti sono estremamente vari e ambiziosi: includono la partecipazione a cicli di concerti popolari destinati ai giovani, la presentazione di film e musica teatrale, opere in anteprima contemporanea di compositori bulgari e stranieri, progetti interattivi che suggeriscono idee di improvvisazione che possono coinvolgere dispositivi elettronici, musicisti jazz e folk. Lavora in collaborazione con altre orchestre, solisti e direttori d’orchestra. Una delle sue numerose iniziative è il ciclo di concerti Giovani
direttori, solisti e compositori. L’orchestra si esibisce in Europa, Asia e America, realizzando frequenti registrazioni per programmi radiofonici e televisivi e case discografiche. È detentrice del Crystal Lyre 2001, una straordinaria edizione del premio annuale dell’Unione dei musicisti e dei ballerini bulgari, e della Golden Lyre 2007 per i grandi successi nell’arte performativa e nella musica. Si esibisce regolarmente anche in Germania, Paesi Bassi, Svizzera, Danimarca, Austria, Grecia, Giappone, Italia, Spagna, Belgio, Turchia, Serbia e in sale di rinomato prestigio come: Bulgaria Concert Hall Sofia; Filarmonica Berlino; il Musikverein Vienna; Sava Center Belgrado; Victoria Hall Ginevra; Palau de la Musica Barcellona; Auditorio Nacional de Musika Madrid; Teatro Auditorio Cuenca; Auditori Girona, Concertgebouw Brugge; Teatro Sociale di Mantova; Concert House, Seres e Concert House, Kavala. Dall’anno 2000 Svilen Simeonov è il direttore principale.

Scarica il pdf

Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone – Via Concordia, 7 – Pordenone
Tel. 0434 365387 – Fax 0434 364584 – info@centroculturapordenone.it