Via Concordia, 7 - Pordenone - 0434 365387
Tu sei qui: Home / Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone / Chi siamo / DANTE 700. Tutte quelle vive luci

DANTE 700. Tutte quelle vive luci

Il Centro Culturale Casa Zanussi per le celebrazioni dantesche con un vasto cartellone di mostre, convegni e spettacoli che integra il programma messo a punto dalla Fondazione Villa De Claricini Dornpacher di Bottenicco.

DALL’8 MAGGIO, LA MOSTRA “IIL DANTE DI ANZIL” DEDICATA AD ANZIL, CON LE SUE INEDITE TRASCRIZIONI DELLE TERZINE DANTESCHE IN LINGUA FRIULANA. E SI PREANNUNCIANO IMPERDIBILI L’ALLESTIMENTO MULTIMEDIALE “DANTE SOUND”, DAL 18 SETTEMBRE, E IL MUSICAL “LA DIVINA COMMEDIA” PROPOSTO NELL’AMBITO DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA SACRA 2021

Anche a Pordenone scatta il conto alla rovescia per le celebrazioni dantesche che, a partire dal “Dantedì” in calendario giovedì 25 marzo, scandiranno il 2021 che segna i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. In città sono in programma incontri, convegni, mostre e spettacoli a cura del centro culturale Casa Antonio Zanussi di Pordenone, partner della Fondazione de Claricini Dornpacher nell’ambito del grande progetto “Tutte quelle vive luci”, realizzato con il patrocinio del Mibact, Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. Gli eventi trovano l’apporto artistico del Centro Iniziative Culturali Pordenone per l’allestimento delle mostre dedicate a “Dante 700”, e di Presenza e Cultura per gli eventi e le produzioni musicali che saranno allestite in collegamento col tema.
«Celebrare Dante Alighieri è importante perchè il Sommo poeta è riconosciuto a livello internazionale come il padre della nostra bella lingua - spiega il sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani - A Pordenone da tempo è attivo il Comitato cittadino della Società Dante Alighieri: con convinzione partecipiamo alle iniziative del cartellone promosso dalla Fondazione de Claricini Dornpacher e saremo parte attiva nell’allestimento delle mostre che la Fondazione porterà a Pordenone in sinergia con il centro culturale Casa Zanussi. La collaborazione con i comuni di Cividale e Moimacco è un importante segnale per il nostro territorio, un’attestazione della volontà di unire le potenzialità di ciascuno e riaffermare il valore della cultura». «Con impegno ed entusiasmo il centro culturale Casa Zanussi partecipa al progetto culturale "Tutte quelle vive luci" – aggiunge il presidente della Casa Gianfranco Favaro - Il nostro apporto spazierà dai percorsi espositivi agli eventi musicali alla dimensione convegnistica e sarà un segno tangibile del valore di iniziative che, sul territorio friulano, si rivolgono capillarmente al pubblico regionale e nazionale. Il "nostro" Dante parlerà con l'appassionata originalità di Anzil, che fece sue molte terzine dantesche declinandole in lingua friulana, ma anche con la cifra stilistica del musical e con il fascino della realtà immersiva e multimediale per restituire ai giovani tutta la forza e l'attualità di una voce che arriva da lontano e ci parla ancora".
Se l’inaugurazione del progetto della Fondazione de Claricini Dornpacher è affidata a don Alessio Geretti che, giovedì 25 marzo – DanteDì 2021 - terrà la conferenza “Dante, l’esperienza feroce e il sentimento acuto del nostro destino”, numerose sono le iniziative in vista a Pordenone, dove la rilettura dantesca sarà declinata attraverso produzioni e percorsi espositivi ideati per parlare di Dante anche alle giovani generazioni, e offrire al pubblico una fruizione “immersiva” nell’opera del Sommo poeta, insieme ad alcune proposte eccellenti per originalità e capacità di coinvolgimento. Come la mostra “Il Dante di Anzil”, programmata negli spazi della Galleria Sagittaria, al centro culturale Casa Zanussi di Pordenone, da sabato 8 maggio sino al 5 settembre 2021, a cura di Giancarlo Pauletto e per il coordinamento della presidente CICP Maria Francesca Vassallo. Sarà una straordinaria opportunità per ritrovare, in decine di tempere e disegni firmati da Giovanni Toffolo - in arte Anzil - la verve appassionata e sanguigna del Maestro, che fu anche cultore e accanito lettore della “Divina Commedia”. In anteprima assoluta per il pubblico di “Dante 700” saranno esposte un’ottantina di opere, fra tavole a tecnica mista e disegni preparatori, nelle quali la cui drammatica visione s’incontra con la sensibilità espressionista del pittore. Opere per la maggior parte inedite, con traduzione in lingua friulana di molte terzine dantesche, curata personalmente da Anzil. Ai giovani si rivolgeranno in particolare tre eventi progettati a Pordenone: la mostra internazionale di illustrazione per l’infanzia “Nel mezzo del cammin”, edizione 2021 del fortunato format “Sentieri illustrati” dedicato a grandi illustratrici e illustratori, in programma dal 10 settembre al 28 novembre, a cura di Silvia Pignat e Angelo Bertani; “Dante sound. Nel suono e nel segno di Dante”, l’allestimento multimediale con voci, suoni, proiezioni ed animazioni 3D dei codici miniati in mostra al Museo Archeologico Nazionale di Cividale, programmato dal 18 settembre al 7 novembre al Centro Culturale Casa Zanussi per la cura di Andrea Ortis che firma anche la regia del musical “La Divina Commedia”, al debutto lunedì 20 dicembre nell’ambito dell’edizione 2021 del Festival internazionale di Musica Sacra diretto dai Maestri Franco Calabretto ed Eddi de Nadai. Prodotto da MIC Musical International Company, il musical vedrà in scena anche il Coro diretto da Mons. Marco Frisina. Due proposte, queste ultime, pensate per arrivare alla generazione Z con una cifra produttiva specifica: attraverso la proiezione e lettura multimediale nelle atmosfere dei Codici danteschi che saranno sfogliati in proiezione, con una evocativa “full immersion” nel primo caso: e con un allestimento in formato musical per l’evento conclusivo: uno stimolo a sentirsi protagonisti delle trame e dell’intenso viaggio della “Divina Commedia”, pur nella massima attenzione a custodire l’adesione e il rispetto che si devono al grande Poeta. Ancora da segnalare, nell’ambito di pordenonelegge 2021, il convegno “L’arte di scrivere d’arte” che sarà quest’anno dedicato ai linguaggi della critica sulle immagini dantesche, a cura di Fulvio Dell’Agnese, e le due mostre programmate nei mesi di novembre e dicembre al Centro Culturale Casa Zanussi: Dante in cartolina, mostra di cartoline postali dalla collezione de Claricini Dornpacher a cura di Emanuela Accornero e Gabriele Gastaldo, e Dante in miniatura, con l’esposizione delle miniature contemporanee di Massimo Saccon.
Anche IRSE, Istituto Regionale di Studi Europei, partecipa all’impegno del centro culturale Casa Zanussi: innanzitutto nell’ambito del progetto Memoria, Consapevolezza, Responsabilità che invita gli studenti delle scuole superiori regionali a proporre le loro videorealizzazioni sul tema: “Spulciando tra le terzine dantesche frasi icastiche su guerre, saghe familiari, odi e amori”; e inoltre all’interno del Concorso Internazionale Europe&Youth2021 che include per gli universitari una traccia di elaborato sul tema “Dante, Poeta universale / Dante, The Universal Poet”. Dante è il poeta più universale che abbia scritto in una lingua moderna. Commenta questo pensiero di T. S. Eliot, ritrovandone le ragioni all’interno dell’opera dantesca. E per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado il tema è “Tra le terzine di Dante / Dante’s Quotes”. Frasi icastiche su guerre, saghe familiari, odi e amori.
«Le celebrazioni dedicate a Dante – spiega ancora Gianfranco Favaro – attraverso un’azione sinergica di promozione culturale si pongono come modello a disposizione del territorio, per valorizzare anche in futuro le reciproche esperienze e le competenze acquisite dalle realtà attive in Friuli. Abbiamo ritenuto di superare i localismi anacronistici e di scegliere una progettualità comune regionale per dare un segnale e consegnare una visione e un metodo di lavoro utile per le future generazioni».
 


Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone – Via Concordia, 7 – Pordenone
Tel. 0434 365387 – Fax 0434 364584 – info@centroculturapordenone.it